rendiconto

Qui di seguito riporto la trascrizione del mio intervento sul bilancio consuntivo 2017 ripresa dal verbale del Consiglio Comunale del 16 maggio 2018.

Rispetto a quanto letto e sentito in questi giorni sono sgomento.

Dopo il silenzio tombale degli ultimi mesi, il PD di Peschiera si è svegliato dal letargo ed è tornato a farsi sentire con la solita strategia comunicativa volta a denigrare a prescindere l’operato di questa Amministrazione. Una strategia che, nonostante in passato non abbia riscosso molti risultati, si ostinano a perseguire.

La cosa che un po’ mi rattrista, però, è che non ci si rende conto che questa eredità(42 mln di € di avanzo accantonati in questi anni) qualcuno ce l’ha lasciata, e sono proprio quelle persone che oggi siedono ai banchi dell’opposizione. Quindi credo che bisogna stare attenti a fare delle critiche così aspre, così crude, perché significa fare delle critiche a se stessi, alle proprie mancanze e inadeguatezze.

PRECISAZIONE: Vorrei ricordare che il nostro primo bilancio è stato approvato il 2 marzo 2017 e che i primi 8 mesi del nostro Governo sono stati portati avanti con un bilancio commissariale. Detto ciò, il nostro consuntivo 2017 è comunque migliore di quelli precedenti e quindi mi chiedo: se il nostro consuntivo è disastroso, come lo avete definito voi, ai vostri che aggettivo bisognerebbe dargli? Inqualificabili? Imbarazzanti? Indecenti?

A)Se si vanno a guardare i dati dei precedenti consuntivi, infatti, gli avanzi nella parte corrente sono stati sempre superiori al nostro.

  • Il consuntivo 2015 riferito al bilancio di Zambon ha avuto un avanzo in parte corrente di 1.6mln rispetto al nostro milione.
  • Il consuntivo 2013 riferito al bilancio di Falletta(di cui Chiodo e la Bruschi sono stati Assessori) ha avuto un avanzo di 1.2mln. Il Consuntivo 2014 un avanzo di 2.3mln.

Questo significa che la nostra capacità di far funzionare gli uffici è stata maggiore.

B)Se andiamo sulla parte in conto capitale il dato interessante è la differenza tra accertato e impegnato.

  • Per quanto riguarda il nostro operato, abbiamo avanzato solo 13mila euro(entrate da oneri 608mila, investiti 595mila), mentre Zambon ne ha avanzati 354mila(entrate da oneri 707mila, investiti 352mila).
  • Nel 2013 l’Amministrazione Falletta(nel periodo in cui era Assessore ai lavori pubblici anche l’attuale consigliere Chiodo) ha fatto investimenti zero.

Per quanto riguarda lo sblocca scuole del Governo Renzi del 2017 e il mancato introito di 1,6mln, bisogna comunque dire che se non avessimo partecipato non avremmo liberato le risorse per la progettazione esecutiva dell’ampliamento della scuola di S.Bovio. Grazie a questa progettazione oggi siamo in grado di portare a compimento i lavori nel 2019. È FALSO dire che i lavori non verranno portati a compimento.

Su questa vicenda è bene ripartire le responsabilità tra parte politica e parte tecnica. Il tecnico che ha sbagliato ed è stato responsabile del mancato utilizzo di 1,6mln messi a disposizione dallo sblocca scuole 2017 ad oggi non ricopre più la P.O nel settore lavori pubblici.

Per quanto riguarda l’anno in corso, invece, come abbiamo già detto a più riprese in sede di bilancio preventivo, sono già finanziati:

1)Proprio grazie allo “sblocca scuole”: l’antisfondellamento della materna di S.Bovio, il refettorio e la rampa per disabili a Bettola per il valore di 180k;

2)215k per l’adeguamento dei locali da adibire a consultorio in via 2 giugno;

3)I lavori nella piattaforma ecologica per 1.6mln;

4)300k di manutenzione strade e marciapiedi;

5)70k potenziamento parchi gioco;

6)23k adeguamento aree cani.

È FALSO quindi dire che la città è paralizzata, l’unica cosa che vedo ferma e paralizzata è, invece, la vostra strategia comunicativa: vecchia, stantia, pretestuosa e priva di un contenuto costruttivo.

In chiusura mi permetto di dire che per essere credibili ed eloquenti in una critica bisogna aver dimostrato di aver fatto di meglio, purtroppo, come dimostrano i dati, nessuno di voi è stato in grado in passato e di conseguenza le vostre parole lasciano il tempo che trovano.

Share Button
0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *